You are here

Rovi – una gioia per gli uni e una piaga per gli altri

Agente patogeno
03.09.2020

Molti amanti del giardinaggio aspettano con gioia anno dopo anno la maturazione delle more,
così buone da piluccare o da usare in cucina. Purtroppo però, i rovi risultano infestanti e ben presto
crescono anche nei punti indesiderati del giardino.

Con le loro spine pungenti e le radici molto tenaci, i rovi possono essere alquanto fastidiosi.
Si moltiplicano facilmente e sono molto difficili da estirpare. Meno problematica è la lotta ai rovi sulle
superfici erbose. Lo sfalcio regolare dei getti con la tosaerba risolve ben presto la questione.
Dato che i rovi continuano a ricrescere anche dopo aver strappato i getti dal terreno è essenziale
distruggere tutto l'apparato radicale. Il periodo ideale per il trattamento è l'autunno, quando la pianta
si prepara al riposo invernale e la linfa scende verso le radici.

 

Garlon® 120 è un erbicida sistemico che agisce sulla divisione cellulare delle piante in maniera simile
a un fitormone. Il principio attivo triclopir viene assorbito attraverso le foglie e i giovani getti e distribuito
in tutta la pianta fino alle radici. Previene la ricrescita dei getti a partire dalle radici, determinando
così un effetto persistente. I primi sintomi sono visibili 1–3 settimane dopo il trattamento, a seconda
della varietà e delle condizioni metereologiche. L'effetto sulle parti legnose e l'apparato radicale dura
per più mesi. Pertanto gli arbusti trattati non vanno tagliati prima dell'inverno seguente.

 

Applicazione
Rovi: 1,2 % (120 ml in 10 l di acqua) dopo il periodo del raccolto fino all'arrivo dell'inverno.

 

Scheda tecnica su Garlon 120